La periodizzazione dell’allenamento

La periodizzazione dell’allenamento

Partendo da una semplice definizione, potremmo definire la periodizzazione come la variazione dei parametri dell’allenamento quali: serie, ripetizioni, tempo di recupero tra le serie e gli esercizi etc. Il concetto di periodizzazione rientra in un concetto ancora più grande: la progettazione dell’allenamento in base ai propri obiettivi. Per periodizzazione si intende quindi il lavoro svolto in un anno “sportivo”, il tempo minimo necessario a raggiungere parte degli obiettivi prestabiliti.

Tale anno si suddivide in:
Microcicli: le sessioni di allenamento settimanali;
Mesocicli: la parola stessa ci suggerisce il riferimento al mese d’allenamento;
Macrocicli: che incorporano i primi due punti e fanno riferimento all’obiettivo generale;

I parametri tenuti in considerazione sono molteplici, e in una programmazione ben accurata nulla è lasciato al caso:
numero di ripetizioni, ordine degli esercizi, numero di esercizi per sessione e per gruppo muscolare, tipo di esercizi, numero di serie, carichi utilizzati, tempi di recupero, tipi di contrazione, frequenza di allenamento (ovvero il numero degli allenamenti), stato nutrizionale.

Il fine della periodizzazione oltre il perseguire l’obiettivo è quello di evitare l’incappare in alcune situazioni ricorrenti:

  • la fase di stallo dei miglioramenti;
  • il rischio di infortuni o l’aggravarsi di situazioni di dolore antecedenti;
  • il sovrallenamento;

Qualunque sia il tuo obiettivo: incremento della forza, potenza muscolare, resistenza, ipertrofia muscolare, dimagrimento, benessere, migliorare la postura, affidati ad uno specialista del movimento per dare forma ad un allenamento che risponda alle tue esigenze, ad una periodizzazione che si presti ad i tuoi obiettivi.

Affidati a noi. Per info e servizio di Personal Trainer non esitare a contattarmi tramite la Palestra Marte Club.

Rosario Sampino, Dottore in Scienze delle Attività Motorie e Sportive.

Leave a Reply

Your email address will not be published.